Meccanica o digitale che sia, la bilancia è un’alleata preziosa in cucina. Le meno costose sono quelle meccaniche o analogiche, che però non raggiungono i livelli di precisione delle bilance da cucina digitali, queste ultime caratterizzate da un minor margine di errore, oltre che rapide nella pesatura. I modelli digitali funzionano a batteria e lavorano in modo più autonomo, basta premere un pulsante. Sia le bilance meccaniche che digitali ad uso domestico hanno un limite nella portata, che non supera in entrambi i casi i 5 chili, mentre diverso è il discorso delle bilance da cucina professionali che possono raggiungere svariati chili in più. Quale scegliere è un dilemma lasciato alla libera scelta di chi acquista che deciderà per il meglio non prima di aver valutato a fondo gli utilizzi dell’apparecchio.

Ma andiamo ad analizzare le funzionalità principali delle bilance da cucina, altro fattore chiave che condiziona la scelta in un senso o in un altro, sia che si opti per un modello digitale che analogico. La somma delle funzioni è la migliore cartina tornasole per la scelta di un prodotto del genere, non tanto il marchio che non sempre è un indizio sufficiente. Se ci soffermiamo sulle bilance digitali si noterà che si distinguono per la presenza di un piano d’appoggio in orizzontale, che regge il contenitore della pesata, in alcuni modelli c’è anche un piatto che funge da piattaforma per riporre gli ingredienti da sottoporre a pesatura. In genere, le bilance digitali danno la possibilità di misurare, oltre che pesare, gli alimenti solidi e si distinguono per essere disponibili in diverse forme e versioni con unità di misura differenti.

I modelli più pratici sono quelli provvisti di un sistema di autotaratura e spegnimento automatico, i più ‘intelligenti’ e autonomi. Diversamente, se si preferisce una bilancia meccanica si avrà un modello dotato di ciotola, in genere ampia ed estraibile, che si presta a più utilizzi e dà modo di mescolare ingredienti diversi nella fase pre-cottura. Il principale vantaggio delle bilance analogiche è che, a differenza di quelle digitali, non si rischia di restare a secco di batteria e di dover, conseguentemente, procedere a tentoni nel dosaggio degli ingredienti.